CINAHL Complete EBSCO Discovery Service
EBSCO Discovery Service
HOME / NEWS / NEWS / "Non rinviabile il problema dei 70 mila infermieri che mancano in Italia, con il paradosso dei 30mila disoccupati"

"Non rinviabile il problema dei 70 mila infermieri che mancano in Italia, con il paradosso dei 30mila disoccupati"

16/04/2014

Video intervista del Presidente del Collegio IPASVI di Roma:

Per ascoltare l'intervista integrale:

http://www.fnopi.it/attualita/-non-rinviabile-il-problema-dei-70mila-infermieri-che-mancano-in-italia--id1210.htm

L'attuale situazione e le prospettive future della sanità italiana dal punto di vista della categoria professionale infermieristica: istanze e problematiche ancora irrisolte che necessitano di attenzione da parte delle istituzioni. Una questione affrontata dal presidente di IPASVI Roma, Gennaro Rocco, nel corso degli Stati Generali della Salute e che abbiamo approfondito in questa intervista



Per il presidente Rocco, una sanità proiettata verso il futuro "deve pensare innanzitutto ai bisogni dei cittadini, che cambiano in relazione all'andamento sociodemografico: in Italia c'è un'aspettativa di vita elevatissima unita quindi ad un invecchiamento generale della popolazione. Gli infermieri sono per definizione i professionisti che si fanno carico del processo assistenziale, fondamentale in caso di cronicità e di multipatologie. Agli ospedali - continua Rocco - si ricorre ormai per brevissimi periodi, per gestire in maniera competente l'acuzie e dare una risposta terapeutica immediata. Quando il paziente e la sua famiglia tornano a casa c'è poi bisogno di un supporto adeguato e di altissime professionalità: qui entra in gioco la competenza della nostra categoria. Ogni anno decine di migliaia di infermieri frequentano master clinici, questo dimostra motivazione e voglia di combattere le nostre sfide".

Parlando delle principali problematiche relative alla categoria, Rocco osserva: "gli infermieri in Italia sono assolutamente sottodimensionati, sia rispetto alla media dei Paesi Ocse, sia rispetto al fabbisogno nazionale. Molto spesso sono costretti ad assumere funzioni e mansioni estranee alle competenze per cui sono formati, come la sostituzione di competenze mediche; ciò è assolutamente incompatibile con i reali bisogni dei pazienti. Senza investimenti concreti - aggiunge il presidente IPASVI - in futuro rischiamo di dover importare dall'estero la maggior parte di questi professionisti; il paradosso è che, nonostante il sottodimensionamento, un gran numero di infermieri in Italia è disoccupato. Alla politica chiediamo di affrontare questo problema, non tanto per la nostra categoria professionale, quanto soprattutto per i cittadini bisognosi di assistenza".

Le professioni sanitarie spesso possono essere aiutate dalle nuove tecnologie, quali ad esempio le App mediche: un settore in evoluzione ma - come concorda Gennaro Rocco - da monitorare con attenzione: "la health technology, le tecnologie informatiche e la teleassistenza appartengono anche al nostro mondo. C'è però una consapevolezza: niente può e deve sostituire il rapporto umano, la relazione, la comunicazione, l'educazione terapeutica e alla salute. Lo sanno bene gli infermieri perché si fanno carico dei pazienti anche da un punto di vista umano e psicologico, oltre che tecnico".