CINAHL Complete EBSCO Discovery Service
EBSCO Discovery Service
HOME / NEWS / NEWS / NUOVO PARCO AMBULANZE E OSPEDALE DEI CASTELLI: BENE GLI INVESTIMENTI, MA IL PERSONALE DOV'E'?

NUOVO PARCO AMBULANZE E OSPEDALE DEI CASTELLI: BENE GLI INVESTIMENTI, MA IL PERSONALE DOV'E'?

24/07/2014

Oltre 620 milioni di euro stanziati dalla Regione Lazio per i nuovi investimenti in sanità: dal rinnovo quasi totale del parco ambulanze al potenziamento del sistema dell'emergenza, dall'acquisto di attrezzature tecnologiche alla messa in sicurezza degli edifici, dalla riqualificazione energetica degli impianti alla realizzazione di almeno una Casa della salute per ogni Distretto sanitario.
E' quanto stabilito dal Decreto 232 firmato dal governatore del Lazio il 15 luglio scorso, che sblocca i finanziamenti statali previsti dall'ex articolo 20 della legge 67/88. Risorse che la Regione dal 1998 al 2007 non aveva utilizzato. L'importo recuperato è di 596.783 milioni di euro a cui si aggiungono 31 milioni a carico del bilancio regionale.
Tra gli investimenti in programma anche l'acquisto delle attrezzature necessarie all'avvio del nuovo Ospedale dei Castelli al quale verranno destinati 24 milioni di euro.
"La buona notizia - ha commentato il presidente Nicola Zingaretti illustrando il decreto - è che nel Lazio si riprende ad investire massicciamente per una buona sanità".

"Bene gli investimenti sul 118 e sull'Ospedale dei Castelli - gli ha fatto eco il presidente del Collegio IPASVI di Roma Gennaro Rocco - ma non bastano per mitigare la crisi profondissima della nostra sanità. Occorre recuperare e spendere risorse anche per la gravissima carenza di personale, in particolare di infermieri, che rappresenta la principale emergenza del sistema. Inutile rinnovare il parco mezzi e realizzare un nuovo ospedale se poi mancano i professionisti per far funzionare i servizi. Chiediamo alla Regione di utilizzare la recente deroga al blocco del turn-over per assumere infermieri e arginare così i paurosi vuoti d'organico che penalizzano i cittadini e gli stessi operatori".