CINAHL Complete EBSCO Discovery Service
EBSCO Discovery Service
HOME / NEWS / Comunicati / L’Infermieristica romana sugli scudi Rosaria Alvaro nel gotha dell’American Academy of Nursing

L’Infermieristica romana sugli scudi Rosaria Alvaro nel gotha dell’American Academy of Nursing

30/05/2019

 

 

 

L’Infermieristica romana sugli scudi

Rosaria Alvaro nel gotha
dell’American Academy of Nursing

 

Un altro successo internazionale per l’infermieristica romana. La nomina della professoressa Rosaria Alvaro a Fellow della prestigiosa American Academy of Nursing è un riconoscimento non solo alle sue doti di ricercatrice, ma all’intero nostro gruppo professionale.

L’American Academy of Nursing (AAN) è tra le organizzazioni infermieristiche più importanti al mondo e ogni anno conferisce la nomina di Fellow (FAAN) a infermieri, soprattutto americani, che si segnalano alla comunità scientifica internazionale per il loro apporto allo sviluppo del nursing. Da qualche anno vengono insigniti del titolo di FAAN anche infermieri non americani che forniscono un importante contributo alla ricerca nei rispettivi Paesi.

Rosaria Alvaro, professore ordinario di Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Presidente del Corso di Laurea in Infermieristica e del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche dello stesso Ateneo, è la quarta infermiera italiana a ricevere questo importante attestato, dopo la professoressa Loredana Sasso, il dottor Gennaro Rocco e il dottor Alessandro Stievano.

E’ la conferma di come l’Infermieristica italiana stia acquisendo sempre più una posizione di rilievo nel panorama internazionale grazie alla collaborazione tra università e organizzazioni professionali. Un passo avanti verso una maggiore visibilità per il prezioso lavoro svolto dagli infermieri e per le loro capacità.

Attraverso l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma e della Provincia, giungano alla professoressa Alvaro le più vive congratulazioni e l’abbraccio corale degli infermieri romani.